L'importanza di un lavoro etno-psicologico con i migranti. Giovedì 14 Aprile alle ore 16 nella Sala San Michele in via Arco d'Augusto, il Comune di Fano, in collaborazione con Labirinto e con alcune associazioni, promuove un incontro dal titolo "Non solo pane" sul delicato tema della situazione psicologica dei migranti.

Il Comune di Fano promuove, in collaborazione con Labirinto e con alcune associazioni un incontro sul delicato tema della situazione psicologica dei migranti, persone che vengono da drammi personali e collettivi, che in molti casi vivono la realtà dell'esilio, mentre in altri casi sono depositari di enormi aspettative da parte delle famiglie o degli abitanti dei villaggi che hanno lasciato.

Giovedì 14 Aprile alle ore 16 a Fano, nella Sala San Michele, in via Arco d'Augusto, proprio di fianco all'arco, viene quindi affrontato questo tema.
Introducono Roberto Ansuini, di Apito Marche, Marina Bargnesi, psicologa ed assessore ai servizi sociali del Comune di Fano e Cristina Ugolini, responsabile degli interventi sulla migrazione di Labirinto.
Dopo l'introduzione della psicoterapeuta fanese Cristiana Santini, la relazione centrale sarà tenuta da Noemi Galleani dello SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Venezia.
La cooperativa sociale Labirinto presenterà quindi alcuni casi clinici affrontati in questi anni di gestione dell'emergenza e dell'accoglienza dei migranti nel nostro territorio.
La chiusura dei lavori è prevista per le ore 19,00.

Consorzio Sociale Santa Colomba

polisportiva millepiedi Pesaro