3 ottobre: alle ore 12 Pesaro ricorda le vittime del naufragio di Lampedusa.

Su iniziativa dell’ARCI e della cooperativa sociale Labirinto anche a Pesaro è stato raccolto l’invito del Comune di Lampedusa a celebrare il 3 ottobre, primo anniversario della strage di naufraghi a poche centinai di metri dalle coste dell’isola in cui perirono oltre 360 migranti, come giornata della memoria e dell’accoglienza.
Una iniziativa che ha visto la significativa presenza delle autorità civili (il vice sindaco Daniele Vimini ed il vice prefetto vicario Sante Copponi) e militari (Capitaneria di Porto).
In seguito all’emozione suscitata da quell’evento nacque l’operazione “Mare nostrum” che ha visto cambiare l’atteggiamento del nostro paese verso i profughi ed i migranti ed ha portato anche nella nostra provincia centinaia di richiedenti asilo con un piano di accoglienza coordinato dalla prefettura e gestito dalla cooperativa sociale Labirinto.
Dopo gli interventi di Ornella Pucci dell’ARCI, di Cristina Ugolini della cooperativa Labirinto, di Daniele Vimini per il Comune di Pesaro e di Sante Copponi per la prefettura, poco dopo mezzogiorno un piccolo corteo guidato da alcuni ospiti dei centri di accoglienza e degli SPRAR  (Servizi di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Pesaro e provincia si è recato sul moletto, gettando in mare tre corone di fiori.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Consorzio Sociale Santa Colomba

polisportiva millepiedi Pesaro