Dieci giorni di sport e laboratori a Nanterre, in vista di Olimpiadi e Paralimpiadi Francia-2024, per i giovani della scuola di Viale Trieste

Grazie al lavoro dell’Ufficio di Progettazione europea della cooperativa Labirinto, un gruppo di 7 giovani che frequentano la scuola di Viale Trieste di Pesaro ha potuto vivere un’esperienza di grande interesse, crescita culturale e professionale. Dal 7 al 16 giugno infatti i 7 giovani pesaresi si sono incontrati a Nanterre con altrettanti giovani francesi dell’IME Balzac di Nanterre e con 4 giovani belgi di Alter&Go di Arlon, dando vita al progetto JO.OLY les Journalistes des Olympiades promosso dal Comune di Nanterre con il partenariato di Labirinto, finanziato con il sostegno della Commissione europea.

Il progetto ha coinvolto i giovani di età compresa tra 17 e i 28 anni che, in previsione dei Giochi Olimpici e Paraolimpici che si terranno in Francia nel 2024, si sono alleati per organizzare un evento sportivo a Nanterre il 12/06/2018: Giochi Olimpici per ragazzi con disabilità. I giovani che hanno partecipato al progetto dei tre paesi sono stati i reporter dell’evento.

Obiettivi del progetto JO.OLY sono:
- portare un messaggio di non discriminazione e lottare contro i pregiudizi, in particolare nei confronti di chi ha una disabilità mentale e quindi contribuire a rendere la società più inclusiva
- lavorare sul tema dell’olimpismo e dei suoi valori
- dare la parola ai giovani portatori di handicap con le forme espressive a loro più congeniali: foto, video, radio
- dare l’opportunità ai giovani dei tre paesi partecipanti di vivere un’esperienza di scoperta culturale e quindi rafforzare il senso di appartenenza all’Europa
- contribuire alla riflessione ed alla messa in pratica di politiche inclusive a livello locale che riconoscano pienamente il diritto di cittadinanza di persone portatrici di handicap.

Sul piano europeo il progetto JO.OLY vuole ricordare che, malgrado le disposizione legislative in tutti i paesi, l’handicap genera ancora esclusione sul piano dell’educazione, dell’accesso alle infrastrutture, dell’integrazione professionale, dell’accettazione sociale. L’obiettivo per le persone con handicap rimane sempre quello di partecipare pienamente alla vita della comunità.

Durante la permanenza a Nanterre i giovani hanno quindi partecipato a due laboratori specifici a conclusione dei quali hanno realizzato un blog sull’evento (https://journalistesdesolympiades.wordpress.com/) e registrato una trasmissione radio sulla web radio di Nanterre “Radio Agorà”; progetti presentati nella serata finale.

Per approfondire:

http://www.erasmusplus-jeunesse.fr/blog/551/17/JO-OLY-les%20journalistes-des-Olympiades.html