Poesia di corpi in movimento nell'ambito della rassegna L'angolo della Poesia

 

Un anno fa Peppino Saponara, ideatore e mattatore della rassegna “L’angolo della poesia”, rimase folgorato da una delle rare apparizioni in pubblico del collettivo “Danzando”, il laboratorio di espressione corporea che alcune operatrici e alcuni operatori della cooperativa sociale Labirinto portano avanti con utenti dei centri socio educativi Mosaico, Pegaso, Villa Vittoria, Movimh e Scuola di Viale Trieste di Pesaro. “Cos’è questo se non poesia?” si disse Saponara e pensò che non poteva non includere una performance di “Danzando” nella settima edizione della rassegna, dedicata nel 2017 alla creazione con il titolo “Tutti i giorni che ha fatto Iddio”.

Sei serate, come i sei giorni della creazione, concluse con la comparsa degli animali e dell’uomo: proprio in apertura dell’ultima serata, a sorpresa, “Danzando” ha fatto irruzione nel giardino di palazzo Ricci (recentemente intitolato al musicista pesarese Riz Ortolani) portando in scena una coreografia delicata e ricca di sfumature dove i corpi e i loro movimenti hanno dato voce alle emozioni. 

Le straordinarie capacità espressive della danza si sono esaltate nella performance che ha visto alcune giovani allieve della scuola di Gimnall intrecciare coreografie insieme al gruppo produzione artistica del laboratorio “Danzando”, dando una vibrante possenza scenica, paragonabile all’intrinseca forza sprigionata dalla delicatezza di un verso, alle movenze di chi ha limitate capacità motorie.

I corpi di “Danzando” hanno portato un emozionante momento di poesia cinetica all’interno della settima edizione de “L’angolo della poesia”, sorprendendo un pubblico straordinariamente numeroso per una serata di poesia, a sottolineare quanto questa rassegna, che Labirinto sponsorizza fin dai primi anni, si sia radicata nella città di Pesaro.

Avere occasioni di esibirsi in pubblico è vitale per la riuscita del laboratorio “Danzando” e questo inedito connubio tra danza e poesia ha fornito una nuova occasione di inclusione per gli utenti dei centri educativi dell’Asur e del Comune di Pesaro gestiti da Labirinto.